Fratelli Broche

davide-garagnani1

Il gruppo Fratelli Broche è un progetto che si occupa di performing-art, teatro contemporaneo e divulgazione delle arti applicate con particolare attenzione al settore della moda d’epoca. Ha ricevuto riconoscimenti nel settore della performing-art (premio in-Box 2009 con Lo schiaccianoci dei Broche, Iceberg, Giovane Danza D’autore etc.) ed ha instaurato collaborazioni organizzative con uffici istituzionali. Per l’autoproduzione in ambito artistico ha affiancato all’attività performativa un business in ambito commerciale di vintage, modernariato e antiquariato.

MANIFESTO
…quando entro in una casa per sgomberarne il contenuto, mi rendo conto di molte cose. Siamo cresciuti con un’educazione che ci spinge a pensare che quando moriamo ciò che rimane è l’anima. In quei momenti invece quando entro nella casa del morto mi accorgo che ciò che rimane di noi dopo la morte è la materia che abbiamo accumulato o che non abbiamo accumulato e ci ha accompagnati durante la vita. foto-di-spalleQuella tovaglia in ogni momento, nei giorni di tristezza o di felicità ci ha assistito con le nostre emozioni. È inquietante pensare che quando scegliamo svogliatamente o con intenzione un letto, sarà una scelta che condizionerà per lungo tempo o per sempre il nostro sguardo. Quello sguardo che prima di coricarci si poserà assuefatto su quell’oggetto scelto da noi in un momento qualunque della nostra vita e che sarà presente ogni giorno della nostra esistenza.

Nel giorno della morte la nostra esistenza comincia a sgretolarsi e non sto parlando della vita, ma di quell’esistenza creata giorno dopo giorno dall’accumulo di materia che nel suo insieme crea il puzzle che delinea la nostra storia. La vita è il collante di questo insieme di oggetti che rappresentano le nostre scelte e nell’insieme la nostra personalità. La morte è quel solvente che scioglie la colla. È in quel preciso momento che gli oggetti cominciano a separarsi e quindi a portare alla dissoluzione di quell’esistenza
…quando entro in una casa per svuotarla dopo la morte del suo abitante è incredibile come il cannibalismo dell’essere umano si comporti nei confronti del suo simile. Tutto tende ad essere divorato, separato, eliminato.
Idealmente quello che faccio è recuperare parti di esistenze cucendole insieme ad altre e metaforicamente creandone una simbolica fatta della parte migliore di tutte le altre. Per migliore intendo quello che per me è migliore: l’emozione.
E’ da tempo che indago l’immondizia e vivendo in una città, ho capito che tutte le persone tendono al trash; ma non il trash usato come termine alla moda, ma trash inteso come immondizia. Quando moriamo, ciò che abbiamo scelto durante la vita diventa immondizia, quasi tutto. Così quando vado a rovistare tra i sacchi fra limoni spremuti, pezzi di pane addentati e fustini del detersivo vuoti trovo quella borsa della tua nonna che conservava con cura e rispetto, l’aveva usata tre volte nella vita: al primo appuntamento con tuo nonno, la sera che dopo tanti anni l’aveva accompagnata al cinema in piazza e il giorno che l’ha indossata per la tua laurea. Poi quando è morta, tua mamma o tu stesso l’avete gettata insieme alla confezione delle merendine nell’immondizia.
Io l’ho ritrovata e l’ho messa insieme ai pezzi delle altre esistenze che tutte insieme creeranno la mia.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto